29 ottobre, 2014

ROC D'AZUR: LA STORIA DI UN SUCCESSO CHE DURA 30 ANNI

Frejus (Francia): Non poteva che essere un successo anche l'edizione del trentennale della Roc d'Azur. In effetti tanti sono gli anni trascorsi dalla prima edizione alla quale avevano partecipato 7 concorrenti, fino ad arrivare all'edizione di quest'anno con 20035 partecipanti e 277 espositori da tutto il mondo.

 

 

Dei risultati agonistici e della scorpacciata di vittorie da parte dei corridori transalpini, per i quali una vittoria alla Roc vale l'intera stagione e supera il prestigio di una vittoria in World Cup, abbiamo già parlato, soffermiamoci ora sul punto di vista dei semplici appassionati e di quanto offre loro la Costa Azzurra francese con la sua entusiasmante manifestazione.

 

Dal 1997 in avanti infatti la cittadina di Frejus, situata a circa 100 Km dal confine italiano di Ventimiglia, ospita la più grande manifestazione europea (ma probabilmente anche mondiale) di MTB.

Definire la Roc d'Azur una semplice gara di montain bike è sicuramente riduttivo, in quanto trattasi di una festa di 4 giorni che abbraccia tutte le discipline del ciclismo fuoristrada e che propone spettacoli e percorsi adatti a soddisfare qualsiasi tipologia di appassionato.

 

La fama della manifestazione ha ormai contagiato anche la vicina Italia e non più solo i bikers del nord-ovest, grazie anche al fatto che in un solo weekend si riesce a visitare un salone che nulla ha da invidiare alle fiere del settore, incontrare tutti i più grandi campioni del nostro sport e partecipare ad una gara assieme ad altri migliaia di appassionati su percorsi da sogno.

 

 

Per prendere parte alle numerose prove in programma è però necessario iscriversi per tempo, in quanto tutte le prove sono a numero chiuso (parliamo in ogni caso di cifre a tre zeri) e le più gettonate risultano esaurite già prima dell'estate. E' presente ogni tipologia di gara, iniziando dal triathlon off-road, per passare all'enduro, alla marathon di 83 km, alle rando (cicloturistiche senza classifica con percorsi di differente chilometraggio), ai tandem e per finire alla prova regina della domenica di 56 Km.

 

Prima di indossare, divisa, casco ed occhiali e lanciarsi nella mischia, non si può assolutamente rinunciare a visitare la vasta area espositiva: in parte ubicata al coperto, in parte all'esterno con annessa la possibilità di testare sul campo le ultime novità presentate dalle aziende espositrici o di usufruire dei servizi di assistenza, manutenzione e riparazione delle proprie mtb (solitamente a pagamento) messi a disposizione da numerose aziende attraverso l'opera dei propri meccanici specializzati.

 

Apprezzatissima come sempre la possibilità di incontrare la maggior parte dei big di tutto il movimento, dall'XC alla DH. Spesso si riescono ad incontrare casualmente tra la folla, oppure in apposite sessioni organizzate per la distribuzione di autografi, fotografie o gadget.

 

La maggior parte di essi la si ritrova al via delle varie gare organizzate, chi alla ricerca di un ultimo risultato di prestigio, chi per correre per divertimento lontano dallo stress, chi soltanto a scopo promozionale per salutare i tanti tifosi presenti e pedalare accanto a loro.

 

 

Ormai storica la location della manifestazione: pensare alla Roc d'Azur significa pensare alla Base Nature di Frejus. L'immensa piana erbosa a pochi metri dal mare del vecchio aeroporto di Frejus è ormai un tutt'uno con la manifestazione stessa e fornisce un'area pressoché illimitata a disposizione di organizzatori, visitatori e corridori. Trattasi di un'area di parecchi chilometri quadrati, di cui la Roc d'Azur, compresi i parcheggi ne occuperà circa il 20%.

 

Anche i vecchi hangar vengono utilizzati e sono riservati alla zona iscrizioni e consegna dei pettorali, al quartier generale dell'organizzazione e all'area di custodia (diurna e volendo notturna) delle biciclette. Moltissimi infatti si recano alla Base Nature dagli alberghi o dai residence con la propria bicicletta, alla quale nulla all'interno della base è precluso, neppure l'area espositiva coperta.

 

Buone anche in questa edizione le condizioni del tempo, se si esclude un violento acquazzone la mattina del sabato che ha costretto gli organizzatori e rinviare alla mattina seguente le prove riservate alle donne ed ai tandem, posticipando di un'ora la partenza della gara regina del weekend.

Ma alle ore 10 del sabato il tempo già tornava sereno e caldo, asciugando i sentieri ed accogliendo migliaia di visitatori che invadevano l'esposizione e le tribune delle evoluzioni di dirt jumping, per i quali era stato approntato un percorso da mozzare il fiato.

 

Nuvoloso invece la mattina della domenica per l'appuntamento più atteso da oltre 5000 concorrenti, la cui partenza era stata posticipata alle ore 10.15 per la categoria elite e la prima griglia contenente gli amatori più forti, che negli anni precedenti avevano concluso la Roc nelle prime 300 posizioni assolute. Lungo il percorso tempo sostanzialmente asciutto a parte una breve e leggera pioggia per i concorrenti partiti nelle ultime griglie.

 

Il tracciato ripercorreva a grandi linee quello dell'anno precedente a parte qualche piccola modifica nella parte iniziale e centrale, mantenendo il chilometraggio invariato a 56 Km con un dislivello vicino ai 1500 metri. Tracciato da non sottovalutare assolutamente, seppur privo di salite particolarmente lunghe, sia perché a questo punto della stagione molti concorrenti non hanno più la miglior condizione, sia perché il dislivello è frutto di un "sali e scendi" pressoché continuo, senza alcun tratto pianeggiante. Salite, anzi rampe tra l'altro molto ripide e severe, sia in salita che in discesa, che richiedevano tecnica, destrezza e concentrazione.

 

 

Ottimamente presidiato come di consueto il percorso: immediatamente dopo ogni tratto critico (e non erano pochi!) punti di soccorso gestiti dai vigili del fuoco, ambulanze ed elicottero a disposizione per i soccorsi. Ben 6 grandi ristori, mediamente uno ogni 10 chilometri, ricchi e forniti sia di alimenti solidi e liquidi, gestiti da parecchi volontari, più quello finale appena oltre lo striscione di arrivo.

Subito dopo il passaggio dei primi e più agguerriti concorrenti, i ristori vengono a mano a mano presi d'assalto dai corridori meno attenti alla prestazione cronometrica e spesso si è costretti a farsi largo tra i corridori per riuscire a raggiungere il tavolo del ristoro.

 

Personalmente quest'anno a causa di un incidente meccanico occorso poco dopo metà percorso non ho potuto terminare la prova, ma la disavventura mi ha permesso di osservare meglio la morfologia del territorio, molto diversa da quella italiana, e di apprezzare anche altri aspetti. Anche in Francia i tratti sulla costa sono super affollati e la densità di popolazione è analoga a quella che si trova in Italia, ma appena si svolta verso l'interno si entra in zone totalmente disabitate, seppure curate e non certo in stato di abbandono.

 

Si possono percorrere decide di chilometri senza incontrare né una casa né tanto meno una strada asfaltata. Io stesso ho dovuto percorrere a piedi oltre 5 km prima di riuscire a raggiungere il Col de Bougnon unico punto dove si incrociava una strada asfaltata per poter essere recuperato. Altrimenti avrei dovuto aspettare la fine della corsa (come minimo 4-5 ore) per tornare con gli addetti al percorso, non avendo fortunatamente problemi fisici.

 

 

Ho apprezzato comunque moltissimo la gentilezza e la disponibilità di tutti gli addetti incontrati, anche se purtroppo il mio guasto non era riparabile in alcun modo. Due pompieri mi hanno persino regalato dei funghi porcini che avevano appena raccolto, funghi di cui la zona era particolarmente ricca in quei giorni.

 

Seppur in questa rigogliosa ed incontaminata natura, i corridori non sono mai stati assolutamente abbandonati a loro stessi grazie alle perfette segnalazioni lungo il percorso. Ogni gara aveva il suo colore caratteristico, presente sia sul pettorale dei partecipanti che nei cartelli indicatori.

 

All'arrivo la solita grande festa grazie ad un numeroso pubblico sempre presente e pronto a tifare tutti i concorrenti, che appena tagliato il traguardo potevano ritirare l'ambita maglietta riservata ai finisher della manifestazione.

 

Alessandro Brondi

23 ottobre, 2014

PMP A PADOVA HA PRESENTATO LE NOVITÀ 2015

PMP Bike Components, l'azienda bergamasca di Curnasco di Treviolo, specializzata nella produzione di componenti leggeri da mountain bike e strada alla fiera del ciclo di Padova (Expobici) ha presentato le novità che caratterizzeranno la gamma 2015.

 

 

NUOVI PIGNONI CON 40 E 42 DENTI

 


 

Trasformazione cassetta Pignoni 10 velocità

Compatibilità: Shimano XT-XTR CS-M771/M980 Sram 1030-1050-1070

Ideale per ottimizzare i rapporti con pedivelle doppie e bici 29 pollici

Peso: 80 gr nella versione con 40 denti, 91 gr in quella con 42 denti

Prezzo: 40t - 73,29 euro, 42t - 79,30 euro

 

KIT TRASFORMAZIONE DA DOPPIA A SINGOLA 10/11V PER CICLOCROSS


 

Descrizione: Corone da 40, 42, 44, 46 denti da inserire al posto della corona interna + 5 tappi da inserire al posto della corona esterna. Trasformazione guarnitura doppia da strada in singola. Denti speciali anti caduta della catena. Compatibile giro bulloni 110, PMP, Shimano, SRAM, FSA.

 

Le pedivelle sono invece le XP - CX in pratica sono uguali alle XP Road. Ossia è in lega AL2014 , perno passante in titanio con diametro di 24mm, fattore Q 146mm, girobulloni 110mm, lunghezze 170, 172,5, 175mm. Peso 650 gr.

 

 

NUOVE MONOCORONA XX1 COMPATIBILE XP-R1 / XP-RR

 


 

Interasse 74mm a 5 fori disponibile nelle versioni con: 28, 30, 32, 34, 36 denti

Prezzo: 85,40 euro

 

XP-R1 - NEW COLORE BLU

 


 

Le pedivelle a corona singola XP-R1 presentano una novità cromatica, l'introduzione di una versione in blu anodizzato.

 

 

Tipo: per MTB a corona singola
Materiale pedivelle: lega AL2014 forgiato a caldo, lavorato CNC e micropallinato
Movimento centrale: perno passante in titanio diametro 24 mm
Lunghezze: 170-172,5 - 175 mm
Fattore "Q": 158mm
Interasse foro fissaggio: a 5 fori ø 74 mm
Viti fissaggio corone: Titanio
Peso: gr. 563

Prezzo: 608,78

 

NUOVE RUOTE RC29 CARBON

 


Tipo: Copertoncino

Cerchio:  Carbonio made in Italy, altezza 32mm, fori 28. Disassato 3mm.

Raggi: Sapim CX-Ray piatti 2,0 - 0,9 - 2,0

Mozzi: In Ergal da forgiato

Compatibilità: SRAM, Shimano, X-Drive

Peso della coppia di ruote: 1.450,00 gr.

Prezzo: 2.074,00 euro

 

 

Info www.pmpbike.net

16 ottobre, 2014

Fat bike – Il primo campionato delle fat

Avete da fare per il giorno di San Valentino? 

Se siete amanti delle fat bike e avete forza espolosiva nelle gambe, il prossimo 14 febbraio potete andare negli Stati Uniti, ad Ogden (Utah, a un’ora da Salt Lake City), e prendere parte al 2015 Fat Bike National Championships: e’ il primo campionato nazionale del genere ad essere organizzato, l’ufficiale sdoganamento delle fat bike.» http://www.usacycling.org 

14 ottobre, 2014

EASY CUP 2015: MERCOLEDÌ 15 OTTOBRE APRONO LE ISCRIZIONI

Mantova: Mercoledì 15 ottobre apriranno ufficialmente le iscrizioni al circuito Easy CUP, edizione 2015. Qualcuno si chiederà "perché così presto?"; la risposta non è unica, i motivi sono tanti; il principale sta nel fatto che gli organizzatori sono al lavoro da tempo e sono pronti, un circuito importante va programmato con i giusti tempi. L'apertura delle iscrizioni significa aver voglia di ricominciare, voglia di programmare la prossima stagione in funzione degli obbiettivi, voglia di avere nuovi stimoli.

 

 

Ma non solo, più concretamente si tratta di approfittare di molti vantaggi sia economici che tecnici. Si sa, chi "prima arriva, meglio alloggia", così anche per l'Easy Cup MTB. I primi 200 abbonati avranno la prima griglia di diritto, chi si abbonerà nel primo periodo avrà dei vantaggi economici, chi si abbonerà velocemente avrà la certezza dei gadget con le giuste taglie.

 

Andiamo per ordine: la quota abbonamento rimane invariata come nel 2014, € 65,00 per tutte le tre prove, compreso tutti i pacchi gara. Un prezzo popolare, meno di € 22,00 per ogni gara, una scelta precisa, un segno di voler essere "Easy" anche nei prezzi. Il CO poteva aumentare la quota, inserendo un "fantomatico" gadget per gli abbonati, ma si è preferito tenere il prezzo uguale alla scorsa stagione ed offrendo la scelta di due gadget solo per chi lo desidera, a prezzi molto agevolati.

 

Infatti, si tratta di due importanti promozioni riservate solo ed esclusivamente a chi partecipa al circuito Easy Cup:

 

- la borsa porta ruota Mtb 29" originale Mavic, logata Easy Cup MTB, un prodotto robusto, funzionale e di marca. Un prodotto che costa quasi € 25,00, ma viene proposto ad € 15,00. Non è omaggio, ma è un prezzo esclusivo....visto che lo scorso anno "due gocce" sono scese, l'idea di proteggere l'auto almeno con la ruota anteriore non è male!

 

 

- il capo tecnico anti-vento by Jollywear; uno smanicato che si richiude in un palmo di mano, davvero leggero. Realizzato con materiali di prima qualità: la parte davanti in tessuto originale Windtex Light, mentre il retro è prodotto con un leggerissimo tessuto traforato light. Rifinito con elastici antiscivolo, è un capo ideale per tutte le uscite. Non ha tasche per occupare il minor spazio possibile. Grafica sobria, elegante, 100° fatto in Italia, ed ovviamente griffato Easy CUP MTB. La proposta agli atleti è di € 25,00 al posto del suo prezzo di listino di € 59,00 (va sottolineato che non è una normale maglia senza maniche....ma un vero anti-vento tecnico in WIND TEX originale....)

 

 

Considerato che in ogni gara è presente un ottimo pacco gara, già compreso nella quota abbonamento (ad Asola si tratta di un Polo Tecnica X-BIONIC), il CO ha preferito tenere il costo abbonamento basso, lasciando la libertà di scelta per i gadget di qualità a prezzo agevolato.

 

Da mercoledì  15 ottobre sul sito www.iscrizioneventi.com sarà possibile effettuare l'iscrizione.

 

 

Per il primo periodo l'iscrizione sarà solo ON-LINE; il pagamento potrà essere effettuato tramite bonifico, postapay, paypall, carta di credito con delle piccolissime commissioni (€ 0,30); oppure senza nessuna commissione  ci si potrà iscrivere (o solo pagare l'iscrizione già fatta on-line) presso il negozio convenzionato Emporiosport Bici & Fitness di Castelnuovo di Asola, sede dello sponsor tecnico TITICI Energy Bike.

 

Easy Cup MTB 2015, tre percorsi: pianura, collina e montagna, ma una sola classifica a tempo! Non mancate!

 

IL CALENDARIO

 

01/03/2015 Xbionic Challenge - Asola MN 
26/04/2015 PontiBike-  Ponti sul Mincio MN
14/06/2015 Enjoy Altopiano del Sole - Borno BS

 

Web: www.easycupmtb.it

08 ottobre, 2014

THE SHORE LINE

Potrebbe avere una bmx, una hardtail 29 o una full da DH: sarebbe lo stesso. 

La classe di Chris Akrigg e’ indiscussa, mettetegli in mano una bici qualsiasi e fara’ miracoli. Come quelli che fa con la nuova Mongoose Argus, una attuale fat bike. Ma se fate caso le supergomme sono belle pompate, mica a bassa pressione. Altrimenti non potrebbe fare quello che fa. Da vedere, per dovere di cronaca.

The Shore Line from chris akrigg on Vimeo.

04 ottobre, 2014

YETI ARS CARBON

La Yeti ASR Carbon è la full suspension per cross country e trail progettata dallo storico marchio americano che ha sede a Golden in Colorado. A Padova era esposta all'interno dello stand di R11, l'importato ufficiale per l'Italia di questo brand e anche di Lapierre.

 

 

Questo telaio in fibre di carbonio ad alto modulo viene proposto nelle taglie XS e S con il telaio studiato per le ruote da 27,5'' mentre chi ha un fisico adatto ai telai della taglie superiori (M, L) ha come unica opzione la 29er. Pesa 1,9 kg.

 

 

Disponibile nelle colorazioni black o turchese, il solo telaio Yeti ASR Carbon costa 3.099,00 euro mentre il kit formato da telaio+forcella Fox 32 Float 29 CTD ADJ 120 15 costa 3.959,00 euro. C'è anche la possibilità di comprare la bici completa però in un solo allestimento chiamato Kit 15.

 

 

Sotto il tubo obliquo, vicino al movimento centrale, noterete la Frame Guard, ossia la protezione del telaio da urti con terreno e pietre.

 

 

Pagando 6.599,00 euro si può avere la Yeti ASR Carbon allestita con: forcella Fox 32 120 Factory, guarnitura SRAM X1 con corona dotata di 32 denti, comandi SRAM X01, freni Shimano XT, ruote Stan's Crest, copertoni Maxxis Icon, attacco manubrio Thomson Elite, piega Haven Carbon 740mm, reggisella Thomson Elite, sella Yeti WTB Wolt Custom. Il peso è di poco inferiore a 10,5 kg.

 

 

CARATTERISTICHE TECNICHE

 

Escursione: 100mm
Peso: 1.9 kg
Taglie: XS, S, M, L, XL
Ruote 29" (M-L) / 27.5" (XS-S)
Colori: Turchese, nero
Ammortizzatore: FOX Float CTD Adjust BV (6.5" x 1.5")
Movimento centrale: PF 30
Asse passante ruota posteriore:  142mm X 12mm
Reggisella: 30.9 mm

 

GEOMETRIE

 

 

Info: www.r11.it e www.yeticycles.com

30 settembre, 2014

EMPIRE VR90: DA SANTA CRUZ IN CALIFORNIA LE NUOVE SCARPE CON I "LACCI"

Il brand californiano Giro è molto conosciuto nel mondo del ciclismo, l'azienda ha sede a Santa Cruz in California. Produce accessori quali: caschi, scarpe, caschi e abbigliamento. A Eurobike aveva un grande stand dove aveva messo in bella evidenza la sua nuova scarpa da strada, la Empire SLX, premiata con l'Eurobike Award. In taglia 42,5 pesa 175 grammi.

 

 

La sorella da mountain bike è la Empire WR 90 che noi abbiamo fotografato e Expobici presso lo stand allestito da LARM che è l'importatore ufficiale per l'Italia.

 

 

Quello che colpisce di queste Giro Empire WR 90 è senza dubbio la chiusura a lacci. Hanno la tomaia realizzata in microfibra traspirante Evofiber™ SL Teijin, è realizzata in un solo pezzo. Hanno la punta rinforzata e la protezione del tallone.

 

 

Utilizzano la suola in carbonio EC90 realizzata da Easton® EC90. Presenta inserti in gomma Vibram e attacco SPD. C'è la predisposizione per i due puntali. Sono dotate della soletta interna SuperNatural Fit Kit con plantare regolabile. Nella taglia 42,5 queste scarpe pesano 315 grammi.

 

 

Le taglie disponibili sono: 39-40-41-42-43-44-45. Il prezzo di vendita al pubblico è il seguente: 219,00 euro.

 

Info: www.giro.com


26 settembre, 2014

EXPOBICI 2014: DA BIANCHI PREZZI E ALLESTIMENTI DELLA GAMMA MTB 2015

Le novità della gamma Bianchi 2015 ve le avevamo già anticipate negli articoli scritti prima e dopo Eurobike,  oggi le riproponiamo in quanto ora sono disponibili anche i prezzi e i dettagli completi degli allestimenti. Ricordiamo che le principali novità riguardano l'entrata dell'azienda di Treviglio nel mercato Enduro e Trail. Per quanto riguarda il cross country si segnala l'introduzione della Methanol 29 SL con il nuovo cambio elettronico Shimano XTR Di2.

 


CROSS COUNTRY

 

 

Methanol 29.1 FS

Gruppo: SRAM XX con guarnitura K-Force Light 38/24T, pignoni 11/36t

Sospensioni: ammortizzatore Magura TS RL eLect,  forcella Magura Ts8 R 29" eLect 100mm

Freni: Magura MT8 Next con leve freno carbon e dischi da 180 (ant) e 160mm (post)

Manubrio: piega Fsa K-Force Light flat, attacco Fsa K-Force Light OS-99 CSI,

Reggisella Fsa K-Force Light, sella San Marco Aspide

Ruote: CrankBrothers Cobalt 3 29", copertoni Hutchinson Black Mamba 29x2.0,

Prezzo: 6.990,00

 

 

Methanol 29.1 SL Team Replica

 

Gruppo SRAM XX, guarnitura Sram XX1 32T, pignoni 10/42t

Forcella Magura TS8 R29 eLect

Freni: Magura MT8 Next con leve freno carbon e dischi da 180 (ant) e 160mm (post)

Manubrio: piega Fsa K-Force Light flat carbon, attacco Fsa K-Force Light OS-99 CSI,

Ruote Crank Brother Cobalt 3, copertoni Hutchinson Black Mamba

Reggisella Fsa stubby, Di2 internal battery holder. Sella San Marco Aspide II Protek

Peso telaio: 1.190 grammi (taglia 19, + /- 5%)

Prezzo: 5.990,00

 

 

Methanol 27.3 SL

Gruppo: SRAM X9 con guarnitura Fsa SL-K Light 38/24T e pignoni 11/36t

Forcella: Fox 32 Float 27,5" CTD Evolution

Freni: Formula C1 con dischi da 160mm

Manubrio: Attacco e piega FSA SL-K

Ruote: Crank Brother Cobalt 2. copertoni Hutchinson Black Mamba 27.5x2.0

Reggisella Fsa stubby, Di2 internal battery holder. Sella San Marco Concor Startup

Peso del telaio: 1.185 grammi (taglia 19, +/- 5%)

Prezzo: 3.790,00 euro

 

ENDURO (NEW)

 

Bianchi debutta nel mondo dell'Enduro con il lancio della nuova Ethanol FSE con ruote da 27,5"

 

 

ETHANOL 27.1 FS ENDURO (150mm)

Gruppo: Cambio SRAM X1, comandi SRAM X01, guarnitura Fsa Comet Compact 386 BB30 31T, pignoni 10/42

Sospensioni: Forcella Fox 34 Float 27,5" CTD Performance 160mm, ammortizzatore Fox Float XFactory CTD 200/57mm

Manubrio: Fsa Comet, alloy 6061. Piega Fsa OS-168LX, alloy 6061

Freni: Formula CR3 con disco da 203 (ant.) e 180mm (post)

Reggisella KS Lev Integra, sella San Marco Dirty Native One

Ruote Sunringlè Charger Comp 27,5'', copertoni Hutchinson Cougar 27,5x2.2

Prezzo: 5.290,00 euro

 

TRAIL (NEW)

 

METHANOL 29.1 FST

 

 

Gruppo SRAM X01, con corona da 30T e pignoni 10/42t

Sospensioni: Rock Shox Revelation RCT3 120mm, ammortizzatore Cane Creek Double Barrell In-Line 165/38mm 

Freni Formula T1 con dischi da 180/160 (ant/post)

Manubrio:Attacco Ritchey Trail WCS, piega 
Ritchey Trail WCS Carbon

Reggisella KS Lev Integra, sella Fi'zi:k Thar 29"

Ruote Sram ROAM 50 29" UST, copertoni Hutchinson Cougar 29x2.1 anteriore, Cobra posteriore

Prezzo: 6.490 euro

 

JAB 27.1 FST

 

 

Telaio in alluminio

Gruppo: Cambio SRAM X9, comandi SRAM X7 2x10. Guarnitura Fsa Comet Compact BB30, 36/22T. Pignoni 11/36t.

Freni: Shimano M396 con dischi da 180 (ant) e 160mm (post)

Sospensioni: Forcella Rock Shox Reba RL 27,5" Solo Air 120mm, ammortizzatore Rock Shox Monarch RT 190/51mm

Attacco e piega TEC Obvius

Reggisella KS E-Ten 100 , sella San Marco Era Start Open

Ruote Sunringlè Helix 27, 27.5" Tubeless Ready , copertoni Vittoria Saguaro 27,5x2.0

Prezzo: 2.490,00

23 settembre, 2014

SNOW EPIC: LA PRIMA GARA A TAPPE CON LA FAT BIKE. IN GENNAIO IN SVIZZERA

La società sudafricana che organizza la Cape Epic, assieme alla Transalp, la più nota gara a tappe a livello mondiale, hanno deciso di lanciarsi in una nuova sfida, lontana dalla loro terra. Era da parecchio tempo che volevano allestire un secondo evento ma lo volevano unico e volevano essere i primi ad organizzarlo. Quest'anno è arrivata l'occasione, il boom delle Fat Bike, le bici con i copertoni "giganti" è arrivato anche in Europa.

 

 

Lo si è visto sia a Eurobike che a Padova (Expobici), tantissime aziende si sono lanciate in questo mercato proponento una loro bici e se prima l'offerta era limitato a pochi storici marchi americani ora c'è solo l'imbarazzo della scelta.

 

Kevin Vermaak il fondatore della Cape Epic, dal momento che la neve non c'è in Sudafrica è andato sul sicuro scegliendo come location la Svizzera e nello specifico la località di Engelberg. La scelta non è stata casuale dal momento che in questa località i sudafricani hanno diversi interessi.

 

 

La Snow Epic si svolgerà da mercoledì 14 a domenica 15 gennaio 2015. Nei tre giorni centrali si parteciperà a cinque gare che comprenderanno, salite, discese, un anello in stile xc e anche un dual slalom. Il pacchetto basico costa 1100 franchi (circa 900 euro), quello completo 1600 franchi (poco più di 1.300 euro).

 

 

Ecco il programma:

 

1. Mercoledì 14 gennaio 2015: Registrazione e briefing

2. Giovedì 15 gennaio 2015:

 

Furenalp Loop (30km e 600m di salita);

Race 2: Dual Slalom Night Race

 

3. Venerdì 16 gennaio 2015:


Race 3 e 4: Brunni +/- 30km/900m salita

 

4. Sabato 17 gennaio 2015:

 

Race 5: Trübsee +/- 26km/1000m salita

 

5. Domenica 18 gennaio 2015: Colazione e ritorno a casa

 

Info: www.snow-epic.com

20 settembre, 2014

EXPOBICI 2014 PORTA IN FIERA CINQUECENTO AZIENDE DA DOMANI A LUNEDÌ A PADOVA

Si aprirà con un grande momento inaugurale la settima edizione di ExpoBici, da domani 20 settembre a lunedì 22, in Fiera a Padova: 500 espositori e oltre 50.000 visitatori attesi. A tagliare il nastro, alle 11.30 presso il palco della Regione Veneto al padiglione 4, dell'unica fiera in Italia dedicata alla bici.

 

Lo spettacolo inizia oggi venerdì 19 settembre con il Test Day a Galzignano: 1.500 i bikers sperimenteranno, sui percorsi unici dei Colli Euganei, le 500 bici messe a disposizione (dalle MTB alle Road, alle nuove MTB a pedalata assistita).

 

 

Il mercato segnala una vera e propria esplosione delle biciclette a pedalata assistita e tantissime erano le proposte sottoposte alla nostra giuria. Una giuria ha premiato le migliori: ne è uscita vincente la Winora Xduro NduroRx, una mountain bike dotata di motore centrale Bosch ben bilanciata e con un design molto apprezzato. Nella stessa categoria una menzione speciale sull'innovazione va a Sunstar per il suo sistema che permette di trasformare una bici tradizionale in un modello a pedalata assistita applicando la forza motrice direttamente al movimento centrale. Per l'innovazione la giuria è stata colpita anche dalla proposta Italwin con ilBike'nGo, che abbina il sistema elettrico a un mezzo di lavoro ben progettato e realizzato.

 

I visitatori scopriranno tutte le novità del mondo bicicletta a 360°: dai nuovi e innovativi modelli delle case produttrici, all'abbigliamento, i gadget e la componentistica. La pista di prova permetterà a tutti coloro che lo desidereranno di provare i modelli preferiti, mentre i più "tranquilli" potranno ammirare le spettacolari e funamboliche esibizioni dei bikers professionisti. Sarà vera e propria "bike mania".

 

Tanti saranno i campioni in vista ad ExpoBici, tra cui Marco Fontana. A poche settimane dall'emozionante bronzo nel Mondiale Cross Country di Hafjell (Norvegia), Marco Aurelio Fontana festeggerà infatti con appassionati e tifosi presso lo stand Northwave (Pad. 8, B36) Sabato 20 settembre a partire dalle 15.30. Con lui saranno presenti anche la Campionessa Europea élite di Cross Country, la slovena Tanja Zakelj, recente quarta proprio ai Mondiali di Hafjell, e il giovane Gioele Bertolini, già vincitore dell'ultimo Giro d'Italia ciclocross e da molti additato come l'erede designato dello stesso Fontana. Allo stand Bianchi (padiglione 7, stand E138)vi aspetteranno invece Kerhard Kerschbaumer (sabato 20 settembre alle 14.30), mentre il suo compagno di squadra Tony Longo sarà allo stand dell'azienda domenica 21 settembre alla stessa ora. FM Bike invece segnala la probabile presenza di Enrico Franzoi nella giornata di sabato. Quest'inverno correrà con la bici da ciclocross fornita dall'azienda bresciana.

 

 

Paolo Patrizi, 5 volte volte campione italiano Elite agonisti della specialità trial bike, in collaborazione con ProAction sarà presente in Fiera in veste di showman sulle sue strutture. Bizzarre acrobazie saranno visibili al pubblico passante che non esiterà nel stare fermo a vedere una bicicletta "senza sella" arrivare all'altezza di due metri e mezzo per poi lanciarsi sul tetto di un furgone!!!

 

PARCHEGGIA IN FIERA LA TUA BICICLETTA

Da notare che è possibile arrivare in fiera direttamente in bicicletta o sostare con l'auto nei parcheggi satellite vicino alle uscite autostradali per poi proseguire con la propria bici: è attiva l'area parcheggio biciclette all'interno del padiglione 15, con entrata da via Tommaseo.

 

EXPOBICI: LA SCHEDA TECNICA

 

Date: dal 20 al 22 settembre 2014

 

Orari: dalle 9 alle 19 - il 22 settembre dalle 9 alle 18

 

Espositori: in totale 500

 

Visitatori: attesi in 55.000

 

Biglietto intero: 11.00 €

 

Biglietto ridotto: 8.00 €

 

Biglietto omaggio: operatori professionali (con biglietto invito)

 

ULTERIORI INFORMAZIONI E FOTOGRAFIE SUL SITO WWW.EXPOBICI.IT